Praga per bambini: leggende, visite e prelibatezze a misura di piccoli viaggiatori curiosi

viaggio-a-praga-con-bambini

 

Viaggiare con i bambini é sempre un po’ un’incognita, anche per chi come noi é abituato a farlo, ma lo é anche e soprattutto per i piccoli viaggiatori, che partono carichi di aspettative e di immagini che le loro testoline hanno creato nell’attesa del viaggio.

Praga per i bambini, però, sorprende anche i grandi, perché non vuol dire parchetti e gironi infernali ma semplicemente conciliare le esigenze tutti in modo perfetto.

 

Dopo i consigli su Praga fuori dai soliti giri (qui), ecco anche alcune dritte

sui giri da fare,

cosa comperare,

dove mangiare e fare merenda

per fare felici anche i piccoli turisti curiosi.

 

praga-per-bambini

Praga in battello sulla Moldava

 

PASSEGGIATE, VISITE E LEGGENDE

 

Praga é una città magica, le sue strade sono animate da personaggi fantastici che rendono i giri molto affascinati per i bambini, ma andiamo con ordine.

 

praga-per-bambini

Il Ponte Carlo e il Castello

 

Dirigendosi verso il Castello, é bello attraversare il Ponte Carlo, un ponte  antichissimo che é lì sin dal 1357, dal  Medioevo, quindi, età particolarmente affascinante per mio figlio.

Pare che il Ponte Carlo abbia resistito nei secoli a piene ed alluvioni grazie alle uova che furono aggiunte nell’impasto utilizzato per tenere insieme tra loro le pietre con cui fu costruito e, visto che le testimonianze sono addirittura degli operai che lo costruirono, c’é da crederci.

Sul primo pilastro del Ponte (dalla parte di Kampa) c’é una statua del cavaliere Bruncvik con il suo leone, questa statua non sfugge ai bambini e ad essa é legata un’altra leggenda.

Si narra che il cavaliere Bruncvick viaggiò per il mondo in compagnia del leone che aveva salvato dall’attacco di un drago durante uno dei suoi viaggi e che con la sua spada d’oro protegga la città la città dai nemici.

Si dice anche che la spada del Cavaliere sia murata in uno dei piloni del ponte e che ne verrà fuori solo quando Praga sarà realmente in pericolo.

 

praga-per-bambini

 

Il Castello é un altro luogo affascinante, in particolare il Vicolo d’Oro (la Golden Lane), vi si accede solo a pagamento (ma se si ha la Prague Card é tra i luoghi a libero accesso) ed é un’area costituita da piccole case costruite a partire dal XVI secolo nella fortificazione gotica, dove abitavano gli artigiani del Castello.

In molte delle casette vi sono ricostruzioni fedeli degli ambienti di lavoro e delle stanze minuscole e povere delle abitazioni, si trova un’esposizione di armature che ne ripercorre i cambiamenti  nei secoli, una stanza delle torture e alcuni abiti delle cortigiane.

Al termine del Vicolo d’Oro si trova la torre Daliborka, utilizzata come prigione e dove, ancora una volta, sono conservati antichi strumenti di tortura.

 

praga-per-bambini

Il cimitero ebraico e il Golem

 

Il vecchio Cimitero ebraico, incastrato tra i palazzi, con le sue lapidi scomposte con sopra migliaia di bigliettini ripiegati e fermati da pietre lasciati dai visitatori é bellissimo, é il più vasto in Europa, fu fondato all’inizio del XV secolo e rimase in funzione fino alla fine del 1700.

Nel cimitero è sepolto il rabbino Löw, che è ritenuto il creatore del Golem.

I bambini hanno scritto un bigliettino e poi si sono seduti su una panchina ad ascoltare la leggenda del Golem.

 

Il Golem era un essere di argilla costituito da tre elementi, fuoco, acqua e aria, che prendeva vita con un seme riposto sotto la lingua, era fortissimo e poteva fare qualunque cosa ma si limitava ad aiutare il Rabbino nelle faccende domestiche e nella Sinagoga.

Un giorno il Rabbino dimenticò di togliere il seme e finché non riuscì a rimuoverlo il Golem, fuori controllo, seminò panico e distruzione; una volta rimosso il seme, il Golem si distrusse e si racconta che quel che ne rimase sia ancora oggi custodito sotto il tetto della Sinagoga.

 

praga-per-bambini

Torre delle Polveri – Torre del Vecchio Municipio

 

Dal quartiere ebraico, a piedi lungo la via Pařížská dai palazzi art nuveau, si giunge alla piazza della città vecchia dove dalla Torre del Vecchio Municipio si gode un bel panorama di Praga dall’alto.

Proprio lì si trova l’Orologio Astronomico, che rintocca ogni ora ma la leggenda narra come non sia sempre stato così.

Il costruttore dell’orologio, il Maestro Hanus, infatti fermò l’orologio per sempre quando, per paura che potesse costruire altrove un orologio ancora più bello, i consiglieri di Praga lo fecero accecare.

L’orologio da allora rimase fermo finché nel 1800 l’orologiaio Hainz riuscì a riavviarne il meccanismo e da allora i suoi discendenti ne divennero i custodi.

 

 

Il Labirinto degli Specchi (Zrcadlové bludiště) sulla collina di Petřin, dove si arriva con la funicolare, é senz’altro uno dei posti più divertenti per i bambini.

Il Labirinto risale alla fine del 1800, si trova all’interno di una costruzione dalla forma di piccolo castello insieme alla sala degli specchi deformanti; tra il labirinto e la sala degli specchi c’è la sala del diorama che rappresenta la battaglia dei Praghesi contro gli Svedesi sul Ponte Carlo nel 1648.

Sulla collina di Petřin, oltre alla ricostruzione della Tour Eiffel di cui abbiamo già parlato, c’è un bel parco con viali, alberi e molte panchine, dove ci siamo fermati per un pic-nic tra una visita e l’altra.

 

viaggio-a-praga

Pane al mercato di Holešovice

 

COSA MANGIARE

 

I miei bambini mangiano di tutto ma una cosa é certa, raramente a Praga anche il bambino più difficile resterà a digiuno.

Dalle merende nei caffé con dolcetti tipici e torte con cioccolata calda o tè, ai Trodlo comperati nei chioschi, ai buonissimi piatti di carne, alle merende improvvisate con il pane comperato al mercato di Holešovice o anche, banalmente, il prosciutto di Praga, c’é solo l’imbarazzo della scelta.

 

Un piatto particolarmente apprezzato é stato il Cmunda po kaplicku, un pancake di patate con prosciutto di Praga e crauti.

 

 

Per un pranzo veloce va senz’altro provato

Naše maso, Galleria Gurmet Dlouhá, Dlouhá 39, Praha 1 – Staré Město

una macelleria specializzata in carne rigorosamente locale di alta qualità, dove solo a pranzo si può mangiare scegliendo direttamente dal banco tra una selezione di salsicce e burger che vengono grigliati al momento.

 

praga-per-bambini

 

COSA COMPRARE

 

Non é viaggio senza souvenir, no?

Allora, per me conviene puntare o su qualcosa di tipico (Baby-V ha comprato una mongolfiera in ceramica locale) oppure su qualcosa che sia ben fatto e duri nel tempo.

Da

Retro Hračky – Retro Toys, Hybernská 24, Praha 1

la proprietaria René, che parla solo in ceco ma é talmente deliziosa che vi capirete comunque, vende piccoli giochi in legno o latta dal sapore retrò, come il piccolo maggiolino che Baby-T ha scelto come ricordo del suo viaggio a Praga.

 

Un aneddoto.

Alla ricerca di questo negozio, cambiando due tram, siamo finiti a Praga 4, attraversando strade e quartieri che altrimenti non avremmo mai visto con fabbriche in disuso, parchi, gioielli liberty tra casermoni dormitorio, per scoprire alla fine che Retro Toys aveva cambiato sede, trasferendosi in una galleria pieno centro vicino alla stazione Masarykova!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *