Il mare d’inverno all’Isola d’Elba, cronaca di un weekend di febbraio

 

 

Il mare d’inverno porta via il cuore non solo a chi, come me, è nato al mare ma a tutti, anche ai più scettici.

Il mare d’inverno è frizzante, i suoi paesaggi sono diversi perché i suoi colori sono cupi ed intensi, non brillano per la maggior parte della giornata per poi farlo all’improvviso e per pochi attimi.

 

Il mare di un’isola, poi, piccola o grande che sia, è il paesaggio della mente più rilassante che ci sia, perché le sue notti sono nere e i giorni sono di tutte le sfumature di blu che si possano immaginare.

 

Ecco, quindi, la cronaca di un weekend di febbraio all’Isola d’Elba improvvisato e ben riuscito.

 

mare-inverno

da Instagram Stories @clarissavintage

 

Un giorno di inizio febbraio ho acceso il pc, ho digitato d’impeto prenotazioni online traghetti per l’Isola d’Elba, ho preparato velocemente un borsone e l’indomani siamo partiti.

Abbiamo lasciato Milano sottozero,

abbiamo preso il traghetto

e abbiamo trovato 15 gradi di blu all’Isola d’Elba.

 

 

L’Elba in inverno è un mondo a sé, il clima è mite, piove raramente e l’aria è tersa per il lieve maestrale che non smette mai di soffiare.

Non c’è la pazza folla della bella stagione, la vita scorre lenta e perfino i paesaggi e le strade dei suoi borghi sembrano essere diversi.

 

Da Piombino a Portoferraio in traghetto si impiegano meno di due ore e l’arrivo in quello che l’ammiraglio Nelson definì il porto più sicuro del mondo é sorvegliato dalla Fortezza della Linguella.

 

Visto che questa volta ci siamo concessi un fine settimana breve, abbiamo privilegiato le escursioni nella natura, non senza una sosta a Villa dei Mulini che domina Portoferraio e che fu residenza invernale di Napoleone Bonaparte.

 

mare-inverno

 

Per muoverci sull’isola abbiamo utilizzato i mezzi pubblici, così in venti minuti da Portoferraio siamo arrivati a Capoliveri, dove abbiamo dormito e cenato, per poi dedicare l’indomani ad un percorso di trekking nei dintorni di Porto Azzurro verso la Spiaggia Barbarossa.

 

I percorsi nella natura nell’Isola d’Elba sono molti, tra questi va segnalato il trekking della Via dell’Essenze (realizzato da Acqua dell’Elba e Legambiente e patrocinato dal Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano) immersi nei profumi delle essenze floreali lungo le coste.

 

 

 

Sabato pomeriggio abbiamo salutato l’Elba salpando da Rio Marina alla volta di Piombino, con il blu del mare e i profumi dell’isola nel cuore.

 

Suggerimenti:

Pasticceria Dulcissimo, Portoferraio

La Taverna dei Poeti, Capoliveri

Le Canottiere, Capoliveri

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *