MORTDECAI: Gwyneth-Johanna vintage girl e altre considerazioni

Una-scena-in-campagna-del-film
Mortdecai, film indie dal gusto molto inglese e dalla recitazione quasi teatrale, sarà nei cinema dal 19 febbraio e, avendolo visto in anteprima, il consiglio è di aggiungerlo tra i to do delle prossime settimane.
 
Insomma, se vi é piaciuta l’aria rarefatta e non databile dell’epoca in cui si snodano le avventure Grand Budapest Hotel o l’istrionismo dei Tenenbaum o, ancora più indietro, l’ironia grottesca di Delicatessen, sono quasi certa che vi piacerà anche Mortdecai.
Innanzitutto considerate che il film é tratto dalla una trilogia,  cult in Inghilterra, di Kyril Bonfiglioli (soldato, professore di letteratura inglese ad Oxford e per un breve periodo anche mercante d’arte) fino ad ora ritenuta impossibile da tradurre in sceneggiatura eppure…

una-scena-del-film
Dettaglio vintage (in basso a destra):
le valigie monogram LV 50s + la modernissima personalizzazione con le cifre C.M.

 

Dettagli vintage.
Il film non é retrò ma le scenografie, in particolare quelle della residenza Mortdecai, hanno molte componenti di design vintage anni 40 e 50 come, ad esempio,

la cucina di servizio in cui spiccano
il tavolo e le sedie,
il frigorifero spigoloso e bianco
o ancora la carta da parati a mazzi di fiori
o i pensili sopra il lavello.
Mortdecai
40s and 50s
dettagli-retrò-in-Mortdecai
Molto anni 40:
la moto con il sidecar della fuga per le strade di Mosca.
Wrotham-Park-London
Mortdecai Manor – Wrotham Park

 

A proposito, la residenza Mortdecai esiste davvero, é Wrotham Park e si trova nella campagna inglese a nord di Londra.
I costumi sono fantastici.
Charlie Mortdecai, ad esempio, oltre all’onnipresente chevalier al mignolo indossa solo le Church e ha spesso le calze in pendent con le cravatte, un’eccentricità che in pochi sanno tradurre in chic.

nobile-in-decadenza
 chevalier al dito e Church ai piedi
stile-inglese-in-Mortdecai

Le vestaglie di seta, di lana scozzese, da donna o da uomo sono tra i protagonisti dei costumi di scena e rimandano agli anni 50, sono ordinate, eleganti e, per me, assolutamente non retrò (io le uso e anche i miei bambini!).

 

Vestaglie-da-camera
vestaglie!
camicie-anni-40
camicie di seta anni 40 e 50
Il look di Gwyneth-Johanna Mortdecai mi é molto familiare ed é volutamente senza tempo

abiti vintage mescolati con capi dalle linee molto moderne,
raramente tacchi,
molte camicie di seta,
stivali da cavallo indossati con
gonne tartan,
pantaloni a sigaretta,
gonne fluide al ginocchio,
un filo di perle.

I colori sono quelli della sua palette da tipo estate (che poi sono anche i miei, ne avevamo parlato qui):

beige
bianco latte
nero
viola ametista. 

outfit-in-Mortdecai
viola e tartan
Outfit-leather-biker-jacket
biker jacket e guanti senza dita

 

Gwyneth-Johanna usa i guanti in lana senza dita (ops!) e le camicie in seta ricamata anni 40 con i pantaloni a sigaretta ma anche l’attualissimo biker di pelle con la cerniera laterale.
Mortecai
Accessories: Mordecai Style Inspiration
Biker Jacket: Karl Lagerfeld
Riding Boots
Trunk handbag: Tod’s
Pearls
Chevalier: antique and modern ones
Fingerless gloves: Sofia Cachemire

p.s. la costumista del film é Ruth Myers, che non a caso é diplomata al St. Martin’s College of Art…

[ph. credits: Ufficio Stampa]

  1 commento per “MORTDECAI: Gwyneth-Johanna vintage girl e altre considerazioni

  1. 14 febbraio 2015 alle 20:57

    … interessante,
    ciao Benedetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *