Improvvisazioni: pranzi etnici a casa

mise-en-place-all'orientale
(from my Instagram @clarissavintage)
Mise en place un po’ orientale, basta poco.
 
 
[Si tratta di un post ad alto contenuto eretico. Uomo avvisato, mezzo salvato]
 
Improvvisare pranzi e cene credo che sia l’andazzo tipico di certe giornate per tutte noi, no?
Le mie improvvisazioni in fatto di cibo sono generalmente orientali (il che, dopo il post sul divino IYO, suona eretico, lo so bene…) e direi anche decisamente ripetitive: all’idea degli involtini vietnamiti o del pollo agrodolce giapponese, ad esempio, ogni mia convinzione slow food viene messa in un cantuccio senza esitazione ma anche senza sensi di colpa.
Il pranzo etnico tipico, improvvisato e ben riuscito?
Senza l’attesa del domicilio o dell’asporto?
Pronto lì in pochi minuti?
Eccolo!
***
Do you like to eat ethnic eastern food at home? I do, I go crazy for it and I use to eat always the same few plates.
 
Tasty and no delivery nor take away?
Sure!


da-Picard
 
L’ultima volta il menu é stato
riso alla cantonese (Cina)
wok di pollo e verdure (Giappone)
nem alle verdure in salsa agrodolce (Vietnam).
Altre volte la scelta cade sugli Yakitory, spiedini di pollo marinati, grigliati e ricoperti di una salsa caramellata speziatina (sempre Jap) oppure su spaghetti Thai con gamberi e bambu, per fare alcuni esempi.
 
Pollo-wok-di-Picard
Jap: pollo con verdure
nem-alle-verdure-Picard
Vietnam: nem
Il mio spacciatore é Picard, dove sono approdata per caso anni fa e che non mi delude mai (etnico a parte, dovreste provare il profiterole…).
Le miracolose confezioncine, di colori differenti a seconda del paese – rosso=Cina, blu=Giappone, verde=Vietnam ad esempio –  sono sempre presenti nel mio freezer; in questo momento sono dotata di  nem di pollo, gyoza ai legumi, ravioli di verdure al vapore e un riso basmati con verdure, per dire…
Due parole sulla mise en place: é assolutamente necessario orientalizzare anche questa.
Le mie bacchette, ad esempio, sono un regalo arrivato direttamente dalla Cina, come alcune coppette, mentre i piattini o le coppette delle foto sono state trovate in giro qui a Milano.
A questo punto la domanda:
avete dritte di questo tipo? Datemele, non aspetto altro!
p.s. i bambini vanno matti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *