Detox (quello digital, però)

Illustrazione-su-Amica-January-2014
Credits: illustrazione di Sonia QQ su Amica Magazine Gennaio 2014
(from my Instagram @clarissavintage)
Ricordate che intorno a Capodanno vi dicevo che probabilmente avremmo parlato di alcune decisioni?
Bene, il digital detox è una di queste.

Il-mio-taccuino
from my Instagram @clarissavintage
Partiamo dall’inizio e da una vera e propria rivelazione.
Che si sia trattato di una rivelazione quando in realtà si dovrebbe trattare di una cosa ovvia è decisamente ridicolo eppure…
Tutto è nato ad agosto, quando mi sono ritrovata nel più totale black out di connessione per 24 ore consecutive.
Inizialmente è stato sconcerto,
come potevo non instagrammare
o controllare la pagina Facebook del blog
per tutto quel tempo?
E gli sms,
i whatsapp infiniti con le mie amiche in gruppo?
La mail???
Terribile,
tagliata fuori dal mondo civile per 24 ore,
un’eternità.
L'Isola-vista-dal-mare
La prima cosa positiva è stata che nel giro di un paio d’ore mi ero già rassegnata (certo, comunque scattando qualche foto da riproporre successivamente).
Poi ci ho dormito su e, al risveglio, ho apprezzato molto il fatto di godermi la colazione senza quel pensiero di fondo fisso: togliere la modalità “aereo”, riprendere la linea (eh sì, decidendo anche se via wifi o 3g, che son problemi) e controllare  in quest’ordine preciso:
mail
Instagram
Facebook
Twitter
notizie.
In realtà ci ho pensato mentre guardavo l’orizzonte infinito del mare e un po’ mi è mancato, nel senso che un po’ di curiosità mi è venuta.
Ustica-vista-dal-mare
Nel blu.
Poi, ripresa la linea, è accaduto un altro fatto provvidenziale: si è rotto l’hard disk del mio Mac.
Nuovo sconcerto,
se vogliamo pure più sconcertato del primo
MA
in mezzora avevo già messo a fuoco la mia nuova fortuna:
dopo due anni si trattava della mia prima vera vacanza.
La-tastiera-del-mio-portatile
from my Instagram @clarissavintage
La decisione del detox dalla connessione permanente non ha tardato ad arrivare e ogni fine settimana
il pc rimane spento
mi prendo il lusso di uscire senza iPhone
non leggo gli email (o meglio, leggo l’oggetto ma non le apro)
mi sveglio e il telefono rimane spento per ore.
Trasporto-biciclette
from my Instagram @clarissavintage

 

Cosa faccio?
Mi godo il mio tempo,
quello che ho intorno
(ricacciando indietro il mio malefico occhio fotografico che mi perseguita dall’adolescenza e che con la connessione permanente rasenta l’ossessione),
vivo i miei figli e mio marito,
cucino,
vado alle mostre,
passeggio,
chiacchiero,
rallento!
E sto bene.
Clarissa-on-Instagram
my kids (from my Instagram @clarissavintage)
Clarissa-on-Instagram
p.s. però ammettiamolo, benedetto l’inventore della programmazione dei post in tutto il fruibile web, eh!

  3 commenti per “Detox (quello digital, però)

  1. 4 febbraio 2014 alle 21:26

    Sei saggia, io lo faccio periodicamente ma questa cosa del week end devo introdurla anch'io!

  2. 4 febbraio 2014 alle 22:05

    Ci vorrebbe anche x me un po' di digital detox amica!
    L'ultimo che ho avuto è stato in Thailandia: abbandonato l'amato Airbus wi-fi dotato e gli efficienti aeroporti thailandesi con connessione rigorosamente free siamo arrivati a Railay Beach in pieno black out delle linee telefoniche… e siamo stati qualcosa come 18 ore senza connessione!
    Ho creduto seriamente che sarei morta!
    Che buffo… io che fino a 10 anni fa non scattavo neppure foto in viaggio perché mi bastavano i ricordi!

  3. 5 febbraio 2014 alle 9:51

    hai ragione, il week end almeno sarebbe bene staccare ma devo dire la verità la applico già abbastanza…il fine settimana sto davvero poco davanti al pc. Programmo i post sul blog e anche quelli su fb…l'unico dal quale non riesco a disintossicarmi? Instagram ma alla fine la malattia non è così grave ;)…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *