Mix & match: tessuti

Mix-di-tessuti-per-outfit-a-cipolla-in-inverno
Un altro outfit che sta in un quadrato, quello di Instagram per essere precisi.
***
Here I am posting another “squared outfit” from by my Instagram profile.


Layering-for-winter-time
(from my Instagram @clarissavintage)
Strenesse sweater
Zara Basic striped t-shirt
Henry Cotton’s wide leg tweed pants (also seen here)
80s Pielle handbag
Gemelli cachemire hat
Henry Cotton’s scarf
The Slow Catwalk Handmade mittens
 
 
Mix & match di tessuti: lana pesante del top, viscosa elasticizzata della T-shirt e tweed dei pantaloni.
Si tratta di un altro genere di outfit che uso molto in inverno, molto pratico e soprattutto a cipolla per difendermi dagli sbalzi (illogici) tra interni ed esterno qui a Milano.
***
Winter layers: heavy wool, viscose and tweed.
I wear this kind od layering outfit in winter time and it helps me a lot in case of big temperature difference between outside and interior spaces.
 
 
Manicotti-in-lana-fatti-amano-e-particolari-dei-tessuti
 
I manicotti sono fatti a mano usando lana islandese dall’amica Sandra del blog di moda etica e sostenibile The Slow Catwalk, che da poco ha aperto un negozio su Etsy, The Slow Catwalk Handmade, che per me e altre amiche è ormai diventato una piccola ossessione!
***
My new little obsession is The Slow Catwalk Handmade on Etsy, the young shop owned by my friend Sandra from the etical and green fashion blog The Slow Catwalk.
 
 
Handmade-mittens-bought-on-Etsy
Obsession: same mittens and another outfit detail
from my Instagram @clarissavintage

  3 commenti per “Mix & match: tessuti

  1. Paola
    18 gennaio 2014 alle 9:38

    Bello bellissimo per tanti motivi: i pantaloni di tweed, ciascuna ne deve avere almeno un paio nell'armadio (a mio parere è necessario avere anche un pied de puole, un principe di galles ed uno scozzese…ma io amo molto questi tessuti e non faccio testo!), la maglia grossa (amando moltissimo la maglia, io me le confeziono da sola) meglio in effetti se cortina e senza maniche, in quanto è ingombrante), la maglia a righe, e la borsa in cuoio (adoro The Bridge, ne ho dieci!). Che tenerezza vedere i guanti realizzati con la lana islandese…è un filato molto caldo e rustico, che una volta lavorato forma quasi un feltro che non lascia passare l'acqua. Io l'ho lavorata e ne ho ancora, è anche ottima per realizzare cappe, ponchos, proprio perchè è abbastanza idrorepellente (povere pecore, devono resistere al freddo per cui il filato che si ricava dal loro vello ha queste caratteristiche)….come mi piacerebbe fare un viaggio in Islanda, terra di vulcani, ghiacci e geyser….J. Verne nel suo meraviglioso romanzo Viaggio al centro della Terra ha posto l'inizio del viaggio proprio nel camino di un vulcano spento. Ho letto il libro ai bambini la scorsa estate, mezzo capitolo per sera, e gli è piaciuto tantissimo. Scusa la digressione, ma questo tuo post ha "accesso" ricordi e le sensazioni tattili (ed anche olfattive, perchè spesso la lana islandese puzzicchia un po di pecora) della mia amatissima lana….Ciao!!!

  2. 18 gennaio 2014 alle 19:07

    Semplicemente perfetto, lo adoro!

  3. 20 gennaio 2014 alle 21:02

    Stupendo questo outfit amica, è così british, confortevole e chic!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *