Un tè per tre – Jardins dans une tasse de thé #2

Tazze e storie di tazze.
Illustrazione-di-una-tazza-di-tè
Non ci sono solo giardini in una tazza di tè ma tutto un mondo.
Il mondo dentro ogni singola tazza di tè è diverso per ciascuno di noi ma è diverso anche per ogni tazza che beviamo, non credete?
Quanti tè abbiamo bevuto

davanti ad un camino acceso o in una domenica di pioggia,
i tè freddi alla menta d’estate,
i tè nei caffè con le amiche davanti ai piatti di pasticcini,
i tè con la nonna o con la prozia,
e chi non è mai stata almeno ad un tea party?
Poi, i tè a colazione,
i tè al posto dei pasti quando stiamo male
o, ancora, i tè deteinati preparati per i nostri bimbi
Abbiamo tanti mondi e ogni mondo ha la sua tazza.
Le-mie-tazze-sulla-credenza
Una tazza e una storia.
Durante il Progetto Erasmus (un milione di anni fa in Scozia), sono andata in un negozio cinese ed ho comperato la mia tea mug personale, che ho scelto piena di minuscoli fiorellini blu sul fondo bianco.
La vedete? E’ quella lì su, sulla credenza in mezzo a tutte le altre!
Con la mia mug fumante a fianco ho fatto colazioni quando fuori era ancora buio e i gabbiani planavano sui prati del campus (ero ad Aberdeen, nel nord della Scozia), ho preparato tutorial ed esami, ho divorato barattoli di marmellata di fragole spalmandola sul pane, ho considerato che mi mancava mio fratello e che quella era l’esperienza più esaltante dei miei primi vent’anni.
Poi, finita l’avventura, la mug mi ha seguita a Palermo e poi ancora a Roma e di lì a Milano ed è ancora con me, anche in questo momento mentre scrivo questo post.
Al di là delle “tea etiquette“, tutte noi abbiamo i nostri riti, diversi per ogni situazione e l’uso della mug è uno di questi.
La mug è intima e personale, beviamo il tè così da sole o, al massimo, con la nostra amica più cara o con il nostro compagno.

Golf-di-lana-pesante-e-smalto-nero

 

Poi, ci sono le tazze da tè, quelle “vere”.
Le mie tazze da tè vere sono due servizi molto diversi tra loro.Uno è il Botanica di Villeroy & Boch, non più in produzione da qualche anno e che mi ha regalato mia mamma quando mi sono sposata.

Servizio-da-tè-in-porcellana-fuori-produzione
Botanica Villeroy & Boch

L’altro è un servizio spiritosissimo di mia nonna che risale agli anni 30-40.
E’ un servizio da tè incredibilmente all’avanguardia per quell’epoca, perchè le tazze sono tutte di colori differenti e sono identiche solo nella forma, molto classica, e nei profili dorati.

Li adoro entrambi e li uso senza distinzione di occasioni, del resto i miei tè sono sempre molto informali anche se sempre con un occhio all’etichetta, di questo però parleremo un’altra volta.

Vintage-teVintage teacups

 

Sapevate che in Inghilterra (ma in realtà un po’ in tutti i paesi anglofoni, come gli USA o l’Australia, dove si organizzano addirittura tea party come ricevimento per i matrimoni!) le tazze da tè per i tea party si possono addirittura affittare e che l’abitudine è piuttosto diffusa?
Eccovi qualche link di companies inglesi specializzate nell’affitto di servizi e accessori da tè vintage:

Vintage Touch, ad esempio, oltre ad affittare servizi da tè ed accessori, fornisce un elenco dettagliato dei propri fornitori per l’organizzazione dei tea party.

The English Tea Party si definisce “the quintessential emporium of the english tea party“.

The Teacup Parlour, infine, non tratta solo il vintage ma anche l’antico (ricordate? E’ antico tutto ciò che è datato prima del 1920!)

 

Tazze-da-tè-in-affitto
Image source and credit:
www.theenglishteaparty.co.uk (follow the link above)

E qui da noi?

Noi non siamo ancora così all’avanguardia come nei paesi anglofoni ma posso darvi un piccolo suggerimento che, tra l’altro, è anche un piccolo investimento: se avete voglia di un nuovo servizio da tè, vi consiglio di andarlo a cercare nei mercatini dell’antiquariato che si tengono in tutte le città (a Milano, ad esempio, è sul Naviglio Grande ogni ultima domenica del mese) o dai robivecchi/bric à brac.
Robivecchi-fotografato-sul-profilo-Instagram-di-Clarissavintage
images from my Instagram @clarissavintage
Foto-di-un-negozio-vintage-sul-profilo-Instagram-di-Clarissavintage
Se vi piacesse l’idea, poi, potreste comperare le tazze del vostro nuovo servizio da tè una per volta, perchè tutte diverse tra loro sono bellissime insieme!
Tazze-vintage-ad-un-mercato-dell-antiquariato
Image source and credit: The Daily Commotion

Un tè per tre è la nuova rubrica a cadenza casuale condivisa con le amiche Bailing e Meggie: seguiteci sui social cercando gli hashtag #solcialtea e #untepertre e, se vi va, partecipate!

  5 commenti per “Un tè per tre – Jardins dans une tasse de thé #2

  1. Anonimo
    13 novembre 2013 alle 9:56

    Adoro il te' delle cinque (abitudine passatami da una cara zia che ha vissuto a Londra per 20anni!!) con il latte e i biscottini, meglio ancora se una fetta di torta casalinga….ho svariate mug ma i servizi con piattini sono i miei preferiti, avessi un po' di posto in piu' ne comprerei di ogni…..
    Ciauuu
    Mt

  2. 13 novembre 2013 alle 13:40

    Le tazze hanno un fascino tutto particolare anche su di me: di tanto in tanto, praticamente senza che me ne accorga, ne aggiungo una alla mia collezione che, come si può intuire, è del tutto disparata!
    Peccato per la mancanza di agenzie di affitto-servizi da té… che sia un'idea?!
    Baci :***

  3. 13 novembre 2013 alle 17:54

    Come scritto anche da Bai Ling e da Meggie, anch'io adoro il tè, però non ho una tazza solo mia. Prima o poi devo trovarne una che mi piaccia così tanto da eleggerla mia tazza personale.
    Comunque bellissimo il tuo racconto dell'Erasmus e dell'acquisto della tua mug, come bellissima è l'illustrazione iniziale e il servizio di tua nonna con colori tutti diversi. Anche la mia aveva una cosa del genere ma con le tazze da caffè.
    Ricordo con nostalgia il mercatino del Naviglio. La prossima volta che vengo a Milano devo riuscire ad andarci.
    Buona serata

    Alessia
    ElectroMode

  4. 14 novembre 2013 alle 6:44

    Che racconto evocativo e quanti bei suggerimenti amica!
    Mi hai fatto venire voglia di andare a caccia di tazze per mercatini!
    Un bacione :-***

  5. 14 novembre 2013 alle 20:58

    Da tè dipendente non posso che apprezzare! Il servizio della nonna è meraviglioso, davvero adorabile!
    Io al momento sono ancora sfornita di un servizio da tè, e mi sono tremendamente pentita di non aver preso delle splendide tazze che avevo trovato in un mercatino a Parigi…
    baci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *