Kinloch e la Sicilia in seta: colonne di tufo, barocco, maioliche e galline… manga

Marchio-foulard-Kinloch
Kinloch
Kinloch, che in dialetto scozzese significa “Re del lago” (ah, reminescenze dell’Erasmus!!), è italo-scozzese e si chiama Marco e, insieme ad Antea (Brugnoni Alliata), moglie palermitana e musa ispiratrice, da poco più di un anno e mezzo disegna cravatte, sciape e foulard di seta e cachemire tra i più interessanti d’Italia.
Una parte di queste sete raccontano la mia Sicilia e io, palermitana (di nascita e nel cuore) dai colori svevi e dall’accento intrappolato da qualche parte tra Roma e Milano, cercherò a mia volta di raccontarvi le (mie) radici che ne ispirano i colori e i disegni.

Carré-ispirato-alle-maioliche-di-Villa-Spedalotto
 Villa Spedalotto (Bagheria, Palermo)
maioliche, console e poltrone
Il cuore mi sbilancia verso le immagini di Palermo, nobile e decadente, piena di contrasti stridenti, miserie e ricchezza, cultura… e bella da morire.
Sala-Villa-spedalotto-maioliche-arredi
Villa Spedalotto, maioliche, console e poltrone
Le tipiche maioliche siciliane, che adornano i pavimenti dei palazzi nobiliari, e in particolare le maioliche di Villa Spedalotto a Bagheria, ispirano i motivi di alcuni carré.
Carre-Kinloch-maioliche-siciliane
maioliche
Sono ancora i palazzi e le ville siciliane, questa volta con i gli esterni di colonne di tufo e le ricche facciate barocche e le persiane chiuse, ad ispirare altri foulard.
Kinloch-Carre-esterno-sicilia
(destra) Palazzo Biscari, Catania
(sinistra) tipiche balaustre di pietra di tufo delle ville siciliane
Palazzo Biscari, particolare facciata
Tipiche-balaustre-in-pietra-di-tufo-villa-siciliana
Villa Palagonia, Bagheria (PA),
balaustre in pietra di tufo
Poi la natura, quella rurale, con gli animali da cortile che diventano disegni manga, e quella che molti non si aspetterebbero mai, con i fenicotteri rosa che dalle saline sono volati tra le colonne in pietra di tufo e le piante grasse.
Saline-Trapani-e-fenicotteri-rosa
Fenicotteri rosa nelle saline di Trapani
Gli affreschi barocchi di un soffitto con puttini e volute e le maioliche geometriche di un pavimento sono, infine, le due facce di un unico carré 140×140, da un lato cachemire, dall’altro seta: due tessuti diversi ugualmente pregiati, il cielo e la terra, le curve e gli angoli, proprio come la Sicilia, unica e preziosa ma contraddittoria e mai uguale.
Januaria, un lato in cachemire, l’altro in seta
Esempi-di-affreschi-sculture-barocche
Barocco a Palermo tra sacro e profano,
da destra in senso orario: Oratorio del sabato, Palazzo Butera, Villa Palagonia, Oratorio di Santa Cita.
Seta italiana, stamperie comasche, rifinitura a mano a Napoli. Made in Italy puro.
Oggi da Bailing scoprirete anche che Kinloch non è solo Sicilia.
Seta-stampata-disegni-animali
nuova collezione: colori e stampe
Kinloch-colori-e-stampe-nuova-collezione

  19 commenti per “Kinloch e la Sicilia in seta: colonne di tufo, barocco, maioliche e galline… manga

  1. 3 maggio 2013 alle 9:13

    Amica hai scritto un post veramente stupendo :-)

  2. 3 maggio 2013 alle 10:39

    Non ci posso credere! L'idea degli interni siciliani è bellissima ed i foulard con i cornicioni delle finestre a vista mi ricorda quei cataloghi di mobili che facevano i mastri artigiani inglesi nel 700 per le ville nei dintorni di Londra. Anche io ho parlato proprio ieri di un talentuoso stilista siciliano. Una terra di grande ispirazione!!!

    Alessandro – The Fashion Commentator

    • 5 maggio 2013 alle 16:03

      Ho visto, Alessandro, interessanissimo il designer che hai presentato!
      Queste stampe sono favolose e, ovviamente, a me piacciono in modo particolare per l'ispirazione che c'è alla base.

  3. 3 maggio 2013 alle 11:47

    Bellissima questa selezione di foulard!
    Molto carina l'idea di dividere i post in base a ciò che più vi accomuna al marchio! :)

    • 5 maggio 2013 alle 16:05

      La scelta è stata naturale e, chiaramente, sarebbe stato impossibile che non fossi io a scrivere della Sicilia :-)

  4. 3 maggio 2013 alle 12:18

    brave ragazze!
    un pozzo di ispirazioni.
    e ora voglio uno scialle per quest'estate: mi dite dove si trovano questi foulard?

  5. 3 maggio 2013 alle 13:29

    meravigliosi!! prima o poi mi condurrai nella tua Palermo amica mia!!
    giulia

  6. 3 maggio 2013 alle 13:41

    Ho visitato il palazzo Biscari ed è davvero meraviglioso!

    • 5 maggio 2013 alle 16:09

      Il barocco nella Sicilia orientale è una caratteristica preponderante che diventa quasi parte del paesaggio naturale, tanto è presente.

  7. 3 maggio 2013 alle 22:10

    Amica, splendido post! Hai fatto davvero un lavoro certosino che apprezzo moltissimo!
    Baci :***

  8. 5 maggio 2013 alle 14:51

    Complimenti! Le creazioni di questo marchio sono davvero stupende, non ce n'è una tra quelle che hai postato che non mi piaccia, e poi tu sei stata bravissima ad accostare immagini e parole per ogni carrè o foulard..davvero suggestivo. :)

    http://potpourrinne.blogspot.it/

  9. 6 maggio 2013 alle 5:57

    ciao Clarissa ,

    gran bel post , complimenti !

    Stupendi i foulards e scialli , presentati con il cuore

    ave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *