Tragedie abitifere (e Legge di Murphy)

Mettete un vestito del vostro colore preferito scovato in un baule un anno e mezzo fa, religiosamente infilato in valigia, trasportato in aereo, riposto nell’armadio e tenuto sotto osservazione fino al momento in cui sarebbe scattata l’ispirazione, quella vera.
Mettete che l’ispirazione vera sia scattata e che abbiate finalmente trovato il coraggio di snaturare il vestito e di portarlo dalla sarta ad accorciare.
Mettete anche che nel frattempo abbiate avuto un’ulteriore idea brillante (ve ne parlerò a breve) e che dal vestito sia nata una creatura che prima non esisteva (Meggie, tu sai ma acqua in bocca!).
Mettete che la sarta abbia terminato il lavoro perfettamente per tempo e che voi possiate ritirare il neonato poche ore prima che chiuda per vacanze per una settimana.
Mettete che loutfit fosse perfetto!
Mettete che, in un momento di pigrizia spinta, abbiate detto alla sarta “la creatura è meravigliosa, passo a prenderla tra un paio d’ore sulla via del ritorno a casa”.
Mettete che l’arteriosclerosi precoce si sia impossessata di voi e che, sì, siate tornate a casa dopo un paio d’ore ma che non siate passate dalla sarta nemmeno per scherzo e che lei sia partita per le vacanze, lasciando la creatura dietro la saracinesca e voi nel bel mezzo della tragedia abitifera.
Mo’ che mi metto?
Non ho niente…!
 
 
 
n.b. l’outfit dell’esempio è un ripiego… tristezza profonda…
n.b.2. la Legge di Murphy non sgarra mai: primo giorno di MFW, primo giorno di peste per me e per fortuna….non avrei avuto nulla da mettere! 

my Instagram @clarissavintage

  16 commenti per “Tragedie abitifere (e Legge di Murphy)

  1. 21 febbraio 2013 alle 8:08

    Ma nooooo, davvero ti è successa questa dimenticanza?
    Vabbé dobbiamo farcene una ragione e sono sicura che dalla stanza degli armadi salterà fuori l'outfit perfetto per la MFW ;)))

    http://www.lostinunderwear.blogspot.it

    • 22 febbraio 2013 alle 10:16

      E già ma la cosa si è autorisolta: una bella influenza fulminante al primo giorno di settimana della moda e nessun dilemma su cosa mettermi… aahhhh

  2. 21 febbraio 2013 alle 8:30

    Amica, sarò muta come un pesce… ma non vedo l'ora di vedere la creatura!!!
    Che comunque, anche con quel maglioncino sta benissimo! Mi piacerebbe proprio vederti! Solo che dovresti aggiungere un altro n.b. (sempre riconducibile alla legge di Murphy): NEVICA!!!!! E mo' che mi metto, io che non ho la febbre e che, comunque, non ho niente da mettermi?!!!!
    ……………….
    Gli eterni dilemmi dell'universo femminile!
    :***

  3. 21 febbraio 2013 alle 8:59

    Stupendo! Ma di solito dagli imprevisti escono fuori le cose migliori! Attendiamo sviluppi…

    • 22 febbraio 2013 alle 10:17

      Temo che non avrò alcuno sviluppo, purtroppo mi sono ammazzata proprio in questo momento e sono saltati tutti i programmi :(

  4. 21 febbraio 2013 alle 9:58

    meglio che taccia -.- qui ci vorrebbero i doposci, altroché! Baci!!!

  5. 21 febbraio 2013 alle 21:50

    Io qui , "dall'alto dei miei 500 mt di altitudine" gli scarponcini e i pantaloni di lana non li tolgo quasi neanche per andare a letto….

    • 22 febbraio 2013 alle 10:19

      Cara, hai ragione, anche io ma negli interni mi tocca rinunciarci (o meglio, mi sarebbe toccato, visto che per l'influenza è saltato tutto…)

  6. 22 febbraio 2013 alle 12:34

    bellissimo abito e bellissimo abbinamento.
    peccato Clarissa, avrei voluto godermi qualche tuo reportage!
    baci
    momben

    p.s. bellissimo anche lo spremiagrumi

  7. 22 febbraio 2013 alle 14:39

    Per il principio che doppia negazione uguale affermazione: Legge di Murphy (vestito dimenticato) + legge di Murphy (influenza) hanno negato la Legge di Murphy (non avresti avuto niente da mettere quindi meglio l'influenza).

    Ok, ci ho provato ma credo non regga:) Spero ti sia rimessa.

  8. 22 febbraio 2013 alle 23:26

    Amica quest'abito ha un colore pazzesco!
    Sono proprio curiosa di scoprire cosa ti sei inventata:-D
    Comunque sono assolutamente depressa per tutte le nostre sfighe da FW :-(

  9. 22 febbraio 2013 alle 23:28

    Questo vestito ha un colore pazzesco amica!
    Sono davvero curiosa di scoprire che cosa ti sei inventata 😀
    E riguardo alle nostre sfighe da FW… non ho parole, è così surreale da non sembrare vero!

  10. 24 febbraio 2013 alle 5:14

    ciao Clarissa ,

    guarisci presto , e poi inventati il Clarissa Fashion Day cisì ci presenti il tuo vestito.

    a presto Ave

  11. 25 febbraio 2013 alle 22:19

    già il titolo era geniale.
    il post fantastico.
    baci e curati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *