The fisherman hat, ovvero il cappello che misi e non tolsi più

Il cappellino da marinaio merita un post a parte, perchè LUI è a parte, oltre le mode, oltre i colori che scelgo, oltre l’outfit che indosso.

LUI è oltre, ed è lui, egli, perchè ha un’anima calda e accogliente e soprattutto mi salva dal ricovero certo.

***
The fisherman hat needs a post only for HIM because HE is aside from trends, from colours and from oufits I choose.
 
He is HE because he has a warm heart and he saves me from hospital when it is very cold.
 

 

 

 

Al momento ne ho “solo” una collezione di cachemire in colori base:
beige (il primogenito, prossimo agli esami di terza media),
blu (il secondogenito),
carta da zucchero (il terzo),
marrone (il quarto),
nero (l’ultimo nato)
e cresce il bisogno di dar loro una sorella rosa cipria e un fratello grigio.

***
I “only” have a basic colours collection of cachemire fisherman-hats:
 
beige (the first)
blue (the second)
mid blue (the third)
brown (the fourth)
black (the last)

and now I need to give them a pale rose sister and a grey brother.
 

 

 





Usate anche voi i cappellini di lana?

***
Do you wear wolly hats too?

  6 commenti per “The fisherman hat, ovvero il cappello che misi e non tolsi più

  1. 4 gennaio 2013 alle 11:02

    Che meraviglia! Io non sono molto per il fisherman, ma a te stanno benissimo… e devono essere caldi!
    Baci amica :-***

  2. 4 gennaio 2013 alle 12:19

    no, tesoro questo proprio non je la fo 😀
    io adoro i cappelli, ma devono avere una spina dorsale.
    avendo un fisico a pera piu' mi appiattisco la testa e piu' vengono fuori i mega fianchi. il berretto proprio non fa per me ehhehe
    ma la tua collezione e' invidiabile e dove vede cashmere il mio animo sensibile si posa con trasporto 😉
    un abcio e buon anno!

  3. 4 gennaio 2013 alle 14:02

    Da qualche anno in inverno non riesco ad uscire senza cappello nemmeno io! I tuoi sono bellissimi e i colori tutti indovinatissimi. Il mio preferito è il tortora, ma sono tutti splendidi ;)))

    Ti va di partecipare al mio sondaggio? http://www.lostinunderwear.blogspot.it/2013/01/control-top-or-not.html

  4. 5 gennaio 2013 alle 8:01

    Ahah Accidenti che collezione, ma almeno ti sta bene, con il taglio che incornicia il volto. Io anche se uomo, ci sto malissimo, sto ancora cercando il cappello giusto…e ti dico solo che questa ricerca mi è già costata un'influenza!
    😉 Ciao!
    Alessandro – http://www.thefashioncommentator.blogspot.it

  5. 7 gennaio 2013 alle 10:16

    Come ti sta bene questo tipo di cappellino amica!
    Invece a me sta abbastanza da schifo purtroppo :-( e quindi lo relego al maneggio, dove senza cappello di lana in testa morirei assiderata!
    E poi il cappellino mi aiuta anche a salvare i capelli da Sero che ama particolarmente pulircisi il muso in mezzo 😀
    Un bacione :-***

  6. 12 gennaio 2013 alle 20:32

    il mio bellissimo mi è scivolato di mano a Parigi tre giorni fa, scendendo dal tram :(
    Era stupendo, in alpaca grigia doppiata verde petrolio, più che un cappello da pescatore era una calottina molto femminile, traforata, con piccolo bordo a smerlo contrastante.
    Sono tornata a cercarla oggi dove l'avevo comprata ma non l'avevano più di quel colore. Spero che l'anno prossimo li riassortiscano di nuovo…
    Orfana di berretto ne ho preso uno, sempre in alpaca, molto semplice, simile ai tuoi, grigio con una banda più chiara.
    Ti sta benissimo quello beige, è proprio il tuo colore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *