Un nodo alla settimana #7 – One week, one knot #7

Vue du carrosse de la galère la réale by Hugo Grygcar
First issue: 1953 – Reissues: 1983, 1992, 2007
Issued in 1992 for the opening of Hermès Chicago
Un nodo alle settimana, in collaborazione con le amiche Bailing di In the mood for love e Meggie di Des Petit Pois Gris al suo settimo appuntamento mi ha fatto sudare le sette camicie per trovare un nodo che mi piacesse.
Abbiamo scelto, infatti, uno dei modi di portare i foulard che odio di più (dopo la scialletta, chiaro!): in testa.

Dei miei drammi del foulard tra i capelli vi avevo già accennato lo scorso maggio (qui) e, naturalmente, il dramma si è riproposto nel momento in cui, scelto il foulard da presentarvi oggi e la mise con cui accompagnarlo, ho iniziato a costringere il malcapitato a rimanere fermo sui miei capelli lisci e pure corti:
sciura-Pina-al-mercato-del-lunedì è stata esclusa immediatamente,
il pirata idem, già visto,
il ferma coda (quale coda?) anche,
il copri tuppo pure (ahhhh, avessi già preso il bun-shaper!!)
la fascia classica no, capelli della lunghezza sbagliata,
la fascia hippie chiaro che no, non ho 20 anni.
Panico
(ovvero, come demolire la propria autostima con un nodo).
Ecco a voi il basco (o, se preferite, la borsa del ghiaccio).

***
One week, one knot, the weekly column I share with the blogs In the mood for love and Des Petit Pois Gris, today will show you one of the ways I hate most: wearing a foulard on the head.
 
I chose the basque-hat knot (or maybe the ice-bag….).
 

 

Questo foulard è un regalo ricevuto nel 1992, esattamente l’anno della riedizione in occasione dell’apertura di Hermès Chicago, i suoi colori sono caldi sia nei rossi-bordeaux sia nei crema-dorati.
Il tema è il 700 navale-militare, che ha ispirato alcuni foulard disegnati da Grygcar.

***
I had this foulard in 1992 as a gift.
Details:clothes and main deck
 
 
Se vi piacesse, l’esecuzione del nodo è estremamente semplice: un nodo centrale e quattro alle quattro estremità del carrè, come vi mostro nel tutorial.
***
Do you think that this knot is pretty? Here you can find the photo-tutorial.
et voilà
Parliamo d’altro: vi piace il cappottino bianco con i pantaloni fiorati di Zara?
Come scarpe, trovo che delle francesine color marrone-bruciato sarebbero state l’ideale ma le posseggo solo di vernice nera, molto stile smoking per intenderci, quindi ho provato con gli stivaletti neri.
***
Let’s talk about something else, please.
Do you like my little creamy coat paired with Zara floral pants?
Which kind of shoes do you think would match better than those black man-style booties?
60s little white coat (also seen here)
Sartoria Libra cachemire and silk turtle neck pullover
Zara floral pants
Peter’s Geese booties (also seen here or here)
Poi, solo per voi ho improvvisato sciura-Pina-al-mercato-del-lunedì.
Buona visione!
***
Let me show you Pina-at-the-monday-local-market.
Enjoy!
Borsa del ghiaccio o Pina?
Siate clementi.
***
Do you prefer the basque hat or the Audrey’s way?
Be good to me!

  22 commenti per “Un nodo alla settimana #7 – One week, one knot #7

  1. 15 novembre 2012 alle 9:56

    Ciao bella! Cavolo, complimenti per la costanza con questa rubrica! Io devo dire di preferirti come sciura Pina al mercato! A me piace così e trovo anche che ti stia meglio con questo abbigliamento! Fa molto chic. Il foulard ti si abbina benissimo con i colori scelti oggi. Mi piace il tuo cappottino ed anche i pantaloni fiorati! Come dici tu però, ci voleva un'altra scarpa, o che il pantalone fosse più lungo di 3 o 4 cm.
    Per quanto riguarda il primo modo di portare il foulard, ti dico che la mia scelta non è caduta su questo anche perchè sono di parte, non sopporto i cappelli tipo pittore che cascano. Quindi non potevo farcela a promuoverlo! 😉
    Buona giornata!! msbx

    • 15 novembre 2012 alle 10:12

      Cara, è stato un dramma :DD, tra i capelli non lo amo, mai amato nemmeno a 15 anni, trovo che mi sia sempre stato male…
      Il basco, bah, ci ho tentato, amo i cappelli in tutte le salse ma niente, non mi ha convinta.
      Devo dire che, alla fine, sciura Pina non mi dispiace ma nemmeno mi piace….. diciamo che non vedo l'ora che questo post venga sepolto dai nuovi e spero ardentemente di non finire dritta nel Top of the flops di Rossana di FNB :DDD
      :-***

    • 15 novembre 2012 alle 15:47

      Ma quale top of the flops!!!! mavalà. A me piaci Pina, è molto chic ed intrigante. E sul tuo viso mi ricorda i film di Hitchcook, la signora col suo cappottino panna che guida la decappottabile col foularino in testa mentre la sua mente si agita in timori e dubbi amletici, con quello sguardo profondissimo e scuro… hai capito?!? 😉

    • 15 novembre 2012 alle 15:47

      PS: sei passata da MMM?

    • 15 novembre 2012 alle 16:39

      :) grazie, amica, poi finisco col crederci e pineggiare senza freni inibitori 😀
      Da MMM no, non sono andata, forse se riesco vado domani.
      Tu che mi dici? Ottavia ha detto che era tutto li'.

    • 15 novembre 2012 alle 17:33

      Eccomi! ti ho scritto da entrambe le parti per essere certa che mi leggessi… Beati voi a Milano! Qui a Bologna arriva sempre un millesimo di collezione e finisce quasi tutto durante l'entrata col braccialetto. Da me erano rimaste le cose più costose, le giacche in pelle ed i pantaloni in pelle, un magli maglione bianco misura L, delle scarpe, qualche stivale, due borse e qualche altro articolo. Ho provato il maglioncino corto in vita di filo grosso, color ghiaccio. C'era sia la Xsmall che la M. In realtà la mia taglia perfetta sarebbe stata la small, ma potevo anche farmeli andare bene volendo. Solo che per 79 euro mi sembrava sprecato…era davero bello guarda…ma sono così in bolletta che a sto giro mi sono imposta di trattenermi!!! 😉

  2. 15 novembre 2012 alle 10:00

    Riesci sempre a sorprendermi con queste creazioni! Direi che tutto sommato voto per l'ultimo, più che sciura-Pina, infatti, mi ricorda Grace Kelly (sarà anche per via del cappottino bianco, che è un amore).
    Il basco lo terrò a mente per la recita natalizia di mio figlio: deve fare uno dei Re Magi e quel copricapo potrebbe venire utile ;)))

    http://www.lostinunderwear.blogspot.it

    • 15 novembre 2012 alle 10:14

      Anche io preferisco (dovendo scegliere con un coltello alla gola) la Pina.
      Mi hai fatta morire con l'ispirazione dei Magi, in effetti trovo anche io che questo basco sia, come dire, un po' pittoresco…

  3. 15 novembre 2012 alle 10:38

    Amica ma tu sei un genio!!!
    Il nodo per trasformare il carré in un basco l'hai trovato da qualche parte oppure l'hai inventato tu?!
    Ti dirò che io lo trovo molto carino!
    Ma scelgo anche io la 'sciura Pina… che però più che Pina mi sembra molto 'Sciura Grace!
    Fai male, anzi malissimo a non voler portare il foulard sui capelli perché così à la Grace ti sta meravigliosamente bene!
    Con quei capelli biondi che escono dalla seta bordeaux e quel cappottino bianco sembri proprio una principessa, altro che la Pina al mercato!
    :-***

    • 15 novembre 2012 alle 10:43

      Amica, il basco l'ho trovato in rete la notte prima (mi dovevo tirar fuori in qualche modo dal pasticcio capelli) e, amando i cappelli in genere, mi ha intrigata.
      Tra l'altro l'esecuzione è semplicissima, trovo però che sarebbe meglio con un foulard di dimensioni più piccole, al mio infatti per ridurlo ho dovuto aggiungere in nodo centrale, che nel nodo che ho trovato non è previsto.
      La Pina: a te sta d'incanto, su di me continuo a non vederlo, mi sembra che mi indurisca o magari mi sono solo fissata.
      :-***

  4. 15 novembre 2012 alle 11:28

    ehehehehe bellissima 😀

    Mi sembri un nobile del '700 francese, il cappottino mi piace moltissimo!! (e forse te l'ho anche già detto).

    Io non saprei scegliere tra i due modi, però, non pensavo che si potesse addirittura creare un basco con il carrè!

    Bacio

    • 15 novembre 2012 alle 11:46

      No, Giu', tu sei di parte perchè mi vuoi bene 😀
      Comunque, trovo che tra i capelli non sia il mio modo elettivo, a Roberta invece sta d'incanto.
      Io proprio non mi sento a mio agio…

      Bacio

  5. Ady
    15 novembre 2012 alle 17:08

    ma sia che a mo di basco non l'avevo mai visto, davvero originalissimo, ma non scivola da tutti i lati?
    alla maniera di Audrey lo adoro, raffinatissimo, baci ady
    Look and the City, H2O Fashion added

    • 15 novembre 2012 alle 17:31

      Scivola, scivola, ma non più degli altri modi, sui miei capelli scivola tutto purtroppo.
      Baci!

  6. 15 novembre 2012 alle 17:24

    ahhaha clarissa m'hai fatto morire con questo post.
    ma posso dirti una cosa fuori dai denti? stai benissimo col nodo alla grace kelly.
    ma perche' mortificarsi con quella focaccia spalmata in testa?
    il secondo modo e' molto raffinato e ti dona tantissimo!
    fidati, stai veramente bene!
    con quell'altro sembri raffaello.
    😀

    • 15 novembre 2012 alle 17:34

      Caia, con Raffaello mi hai fatta scoppiare a ridere e i miei figli mi hanno guardata come se fossi pazza 😀
      Sai che cercavo proprio chi mi ricordassi con quel cappelletto e tu hai centrato in pieno? Raffaello, terribile, ahahah.
      No, niente, con i foulard in testa non mi piaccio, forse solo con il pirata in primavera.
      :-**

  7. 15 novembre 2012 alle 18:47

    La siura Pina tutta la vita! Secondo me ti sta benissimo:) Però sai che non avevo mai visto il nodo-basco: idea grandiosa:)

    • 15 novembre 2012 alle 20:29

      A furia di dirmelo, mi state convincendo che la Pina mi sta bene O.o
      Il basco l'ho trovato in rete nella disperazione…

  8. 15 novembre 2012 alle 19:32

    Eccomi amica!
    Sciocchezze, stai benissimo con il nodo rétro e credo sia il ciuffo "ribelle" a dare il tocco in più, perché a me questo nodo normalmente non piace, lo ammetto, ma forse è solo perché a me non sta bene!!
    Il baschino è veramente inaspettato e originalissimo 😀
    Infine, una nota di merito per l'abbinamento perfetto dei colori: quei pantaloni e il carré sono perfetti!!
    Baci!

    • 15 novembre 2012 alle 20:31

      Grazie, Amica, che fatica, con questo nodo l'autostima è minatissima 😀
      Il uo fiore, piuttosto, è bello e l'idea è anche sia complicatello da fare.
      :-***

  9. 16 novembre 2012 alle 9:50

    Bello, bello, bello e molto rinascimentale! Sciura Pina è molto chic e te la invidio, io sembro una contadina polacca :(

  10. 17 novembre 2012 alle 20:04

    Ma che sciura Pina! Anche nella seconda versione sei super chic !!M

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *