Nel nome del NO-LOGO (e dell’autoscatto)

Non amo, ed è un bell’esprimermi eufemisticamente, i loghi in vista, il marchio ostentato, l’IT-qualcosa, la massificazione del gusto e l’ostentazione.

Qualche piccola defaillance c’è stata e c’è, eh, ma raramente e solo per valutazioni di oggetto particolarmente comodo-resistente-dalla fantasia irrinunciabile etc.
Nei (rarissimi) casi di defaillance grave, invece, essendone assolutissimamente consapevole, compro e metto lì, e poi, quando il feticcio è passato dall’altare alla polvere o, meglio ancora, al dimenticatoio, tiro fuori, magari dopo anni, così mi illudo di avere delle attenuanti!
Ultimamente sto anche valutando di imballare per benino certe defaillances particolarmente gravi, di relegarle in cantina ben protette, e tra vent’anni di rivelarle a mia figlia, nella speranza che allora la gravità sia divenuta lieve, o addirittura andata in prescrizione.
Ci sono certe robine che però uso, e con gran piacere anche, che vengono dal passato, in particolare dalla Stanza o dal Baule, e che, nonostante il loro ormai massificatissimo logo, a volte sono irriconoscibili oppure così datate da essere quasi uniche, in molti casi anche di qualità ormai inimitabile.

 

Quindi, ed ecco l’eccezione che conferma la regola, è possibile che mi pieghi a portare in giro quel marchio, che nel mio armadio attuale vade retro!, ma sempre con un lieve senso di inquietudine e, lo ammetto, di indulgenza verso me stessa…
Orrore e raccapriccio. Questa selleria italiana, ad esempio, era presente nella Stanza degli armadi come nel Baule ma nel mio armadio attuale vade retro! La tracollina anni ’70, però, è bellina, così strutturata e piccolina (e praticamente non si trova più).

 

 

Mise odierna autoscattata, in due casi volutamente non a fuoco: gonna ampia a pieghe in cotone su misura, T-shirt di stilista amatissimo (una delle piccole defaillances), sandali zeppa in suede, bracciale in argento late ’80s.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *